Archive for the ‘Poesie’ Category

il richiamo del Walhalla

17 ottobre 2018

Sowilo

i’ lo sento, è dentro a me.
ho una Runa incisa sul petto:
mi fa forte, forte come un Re.
è Runa Siegel: a lei mi fo stretto.

e fibrilla su la mia carne ferita,
e brilla forte, forte di ghiaccio,
poiché quella è la mia nota preferita:
suon di stivali al buio, all’addiaccio.

ma è tempo: vedo sopra al sole
eterno, l’Uroboro, il serpente
che mangia la coda e tutto duole
ne la scorza di essere un vivente.

sarò nel Walhalla? lo spero.
assiso su podi d’argento
ammirerò i divi del mondo intiero,
io eroe senza sete di sgomento.
____________________________________

S. Èffrena, 17.10.2018

Annunci

astinenza

16 ottobre 2018

rido, sorrido, faccio il pazzo.
lavoro duro, urlo, scherzo:
a casa mi ubriaco a razzo,
mi stordisco, mi sferzo,

canto, corro, amo lo sfarzo.
ma non sai che buio ho preso:
il non vederti, non sentirti.
il tuo sorriso, il capello creso…

son ferite di memoria.
e così la memoria mi uccide,
e in ogni cosa indago il tuo corpo,
cerco i tuoi occhi bellissimi.


S. Èffrena, 15.10.2018

luna argento

13 ottobre 2018

rammenta la luna che siamo soli.
il suo colore, la sua forma varia:
prende nostra mano in vari voli.

e mi sento dentro febbre di malaria
smunto da batteri dai mille ruoli.
e mi cruccio e poi rido pazzo (more…)

la bellezza

4 ottobre 2018

oh sacerdote di Odìno.
è bellezza ciò che desidero,
ciò che è grande ed effimero
alto grande secolare pino.

bellezza in due occhi d’amore
che stupiscono di me il tutto
mentre cala un velo di lutto
nel pugno serrato d’ardore. (more…)

Arido piombo

1 ottobre 2018

Polvere, rotolano i grani,
su pulsazioni fatte incerte
e lontane dal domani.

Respiro, occluso inerte,
acqua che corrode le mani
e gli occhi con ferite inferte.

Cammino, polvere, respiro
svengo, tremo, stringo la Runa
che adoro, che sempre ammiro.

Domani morrò ancora con la luna.


S. Èffrena, 1 ottobre 2018