La processione

Torme, infinite, di non morti.
Vanno pel viale, ‘l fiume costeggiando
Tra soffi di venti aridi e forti.
 
Tra tegole di case vecchie, di rimando,
Rami di alberi, rosi e decrepiti,
Oscillan vacanti, orrore intimando.
 
Ne la processione oscura, i levìti,
Avanzano co ‘l passo di lutto,
Celando volti gialli e rinsecchiti.
 
Il cielo, senza alba e così brutto,
Instilla ne le genti sogni di suicidio,
Ché la vita è già sparita dappertutto!
 
E cercando un vago ausilio,
Ne la vetrina d’un losco rigattiere,
S’intravede sol strame di dissidio.
 
Intanto lì, un tristo gondoliere
Trasporta le sue merci occulte
Sogghignando come un giocoliere,
 
Mentre gli occhi con luci non adulte,
Pensiere sopiti rimembrano assorti,
Dai sogni colti, dagli incubi espunte.
_____________________________
S. Èffrena, 2 dicembre 2013
Annunci

4 Risposte to “La processione”

  1. tramedipensieri Says:

    Il cielo, senza alba e così brutto,
    Instilla ne le genti sogni di suicidio,
    Ché la vita è già sparita dappertutto!….

    buona serata
    e ben ritrovato
    ciao
    .marta

  2. Andrea Magliano Says:

    Ciao Stelio, ben ritornato! Spero che vada tutto bene! :)
    Sempre belli i tuoi versi e altrettanto ben ritmati :)
    Un saluto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...