Gironi

Magnifici spettri
E immonde carcasse;
Re, dorati scettri
E nere melasse.
 
Chi può enumerare
A l’ombra de ‘l sole,
Le innumerevoli bare
D’un mondo senza mole?
 
La lapide è bianca
Su questo vialetto
Dove ‘l sole mi stanca
E tutto è negletto.
 
E la cripta è scolpita
Di mille menzogne
Come menzione di vita
Tra viscide fogne.
 
Vie di cipressi
E tombe sbrecciate.
Palazzi riflessi
Su antiche vetrate.
 
O Custode: permetti
A un’anima pia
Un, due fiori stretti
Su quest’ultima via.
 
Ringrazierò certo,
Con acre putredine
Vapor blu, incerto
E un ridere flebile.
___________________
S. Èffrena, 27.01.2013
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...