Il Selvaggio

È l’ora! Già! Segnino profonde
Due strisce di fango, su ‘l mio volto,
Due dita perverse, appendici rotonde,
Risveglio selvaggio d’animo contorto!
 
Una danza perduta, luci tremebonde,
Tende scostate, lampo riflesso, intorno,
Tra voci soffocate, forse iraconde,
Da un profondo, nero, rosso forno.
 
E io, le mie strisce sul volto, arso,
Danzo la mia danza tribale,
A volte veloce, a volte scarso.
 
Selvaggio! Attorno alcun sensale
Potrebbe raggiungere il mio balzo.
E irrido ‘l mondo placido e sensuale.
 
___________________________
 
Charleville, 19.04.2012
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...