Nel silenzio.

Qui, sommerso da tonnellate d’acqua.
E tutto è vano, tutto è inutile e morto,
Ma urli interni giungono in forma vacua:
Ecco un tempio dalla sabbia sorto.

 
Assiso ad una duna di sabbia,
Il silenzio è nelle mie membra;
E con tutta questa rabbia,
Più una vita normale sembra!

 
Lievi fluttuazioni m’avvinghiano.
La mente va coi pesci, nel tempio nero
Ove sinistre figure, ascose, ringhiano:

 
Ma non per far paura al coraggio vero,
Ma per dissuadère color che tentano
Di superar di questi abissi l’impero.
_______________

Stelio, 15.12.1994, giovedì.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...